Sab19092020

Ultimo aggiornamento04:31:38 PM

News:

Back Sei qui: Home Cultura L'artista di strada Banksy

Cultura

L'artista di strada Banksy

bansky
Oggi siamo qui al solito bar per un edizione special della nostra "Arte da amare", siamo in diretta on-line il sottoscritto, Mario il benzinaio, il signor Poppetti dell'azienda Cinecarrello nostro sponsor, al momento nel bar c'è gente che va, gente che viene e stiamo aspettando gnentepopòdimenochè....l'artista di centomila, uno, nessuno..misterrrr Banksy, dovrebbe arrivare a momenti, nel nostro ultimo contatto telefonico ci siamo accordati che per riconoscerci faremo entrambi come "parola d'ordine" il gesto delle corna e quando gli ho chiesto "Perchè" mi ha risposto che lo aveva imparato a Napoli.
 
Siamo tutti in febbrile attesa, passiamo ai raggi X gli avventori del bar, tutti si muovono ma nessuno alza il braccio per il fatidico gesto, eccolo forse è lui, entra un capellone dinoccolato, no prende un gelato, forse ora è lui, barba, aria da intellettuale, sguardo vanesio, flop, chiede una bomba alla crema con un cappuccino, questa volta ci siamo, alto, magro, calzoni strappati sporchi di vernice, si siede, accavalla le gambe aprendo un giornale sportivo, disdetta chiede un panino con la mortadella...è da un'ora che siamo quà, sta tardando all'appuntamento manco fosse uno di noi quando un signore molto distinto sulla cinquantina, profumato alla Francese, giacca  e cravatta, scarpe lucide a specchio ci fissa negli occhi, ci fà le corna e con estrema sicurezza si avvicina, signore e signori Bansky è qui da noi in persona!
 
   -Benvenuto fra di noi sig. Banksy
   -Grazie a voi per avermi invitato
Lo ammetto è stato un vero colpo di fortuna, mi sono fatto raccomandare da Totonno Squagliarella un mio amico Napoletano.
   -Signor Banksy le dispiace se parliamo in Romanesco?
   -Of course boy, perchè no?
   - Morto bene
   -Ah, me dispiace, quanno è successo?
   -Ma cchè!?
   -E' morto Bene
   -Ma noo, Banksy hai capito male, morto bene nel senzo, molto bene, và tutto      bene!!!
   -Vabbè
 
Al momento parlo solo io Mario e Poppetti ascoltano in religioso silenzio.
   -Signor Banksy se potemo dà der "Tu"?
   -Manco me lo devi chiede ma sbrigamose che devo pjà er treno pè Forcella     (noto quartiere di Napoli)
   -Senti n'pò ma nun te sei stufato de rimanè nell'anonimato? Nun vai mai sulli
     giornali, ne te vedemo mai n'tv, nun strilli mai ai talk show!
   -Ma che stai a dìì, me stò a divertì come n'matto, semo io e l'amici mia, giramo er monno, vivemo ner mistero, nisuno ce rompe li....(bip)...semo libberi, capisci er significato, totalmente libberi!
   -Banksy ma nun cori er rischio che nisuno te capisce?
   -Ma che te posso dìì, l'arte è na cosa che dà piacere, poi ognuno la pò capì 
    come je pare.
   -Banksy ce racconti come t'è venuta l'idea de diventà n'writer?
   -Ve la dico n'confidenza, me riccomanno accqua n'bocca!
   -Tranquillo saremo come li pesci rossi.
   -Rossi?
   -Sarebbe mejo pure n'pò gialli ma lassamo perde.
   -Vabbè stateme a sentì come è annata la faccenda, tutto è nato perchè m'ero
   -stancato de dipinge, nisuno me pagava, la critica me snobbava, er               gallerista  nun me telefonava e così pè nun cascà nella malinconia               scelsi de cambià vita
    ho lassato tele e pennelli e n'cominciato a girà er monno alla ricerca de       na bona ispirazione, finchè n'ber giorno ho ricevuto l'illuminazione, me         trovavo a spasso pe li vicoli de Napoli quanno attirato da n'aroma forte sò entrato dentro a na pasticceria, na bella mora dietro ar banco  me fece magnà no babà, poi n'artro e n'artro ancora, 16 alla fine ne mannai giù, poi sempre la bella me disse :" La vulite assaggià nu poco e' pastiera? " Nun l'avessi mai fatto, me ne diede n'chilo e mezzo e pè finì n'bellezza Armando me fece pure tre caffè!!! Escì dar locale che stavo n'estasi, camminai, camminai 
 
felice e soddisfatto e così n'preda alla felicità chiesi n'prestito a n'regazzino la bomboletta cò la quale stava a vernicià la bicicletta, pè nun sporcà dar fornaro me feci dà n'cartone, che ad arte ritagliai pè usallo come stencil, ero felice davanti a n'muro bianco de fianco a l'edicola cò la Madonna e er bambinello n'braccio su quer muro grezzo arifeci la Madonna a modo mio e fu così che lassai er pennello pè stà nova forma d'arte illuminata dalli lampioni delle strade.
- Banksy daje parlace ancora de st'opera fatta sur muro Napoletano.
 
Stateme a sentì, l'arte è na cosa semplice, basta n'muro, n'segno, na sfumatura e poi lassà n'messaggio, l'arte è pè tutti nisuno escluso, deve esse come l'aria che respiri, l'arte è nella vita stessa e nun ne poi fà a meno, si la levi rimane er nulla, certo devi esse rispettoso, un muro voto lo devi rende bello, nun poi esse 'gnorante e vorgare, la vedi stà Madonna è stato n'segno de dorcezza ar popolo che tutti i giorni passa pè le strade, questa è la filosofia mia, insieme a peace&love ce vole pure la dolcezza, tutto er monno dovrebbe esse dorce come nu babà, finita l'opera sur muro de Napoli, nisuno se ne accorse, solo na vecchiarella me calò da na finestra n'cestino cò na cordicella e me disse :" Signurè la vulite na sigaretta?" 
 
-"Veramente preferirei un pò di dolcezza" gli risposi, allora la vecchiarella calò dei biscotti fatti a mano e mezzo fiasco de vino rosso e da allora diventai n'writer, giro de quà, de là, quanno vedo n'muro voto me pja l'ispirazione e l'arte trova casa n'mezzo alla strada.
E' a questo punto che Banksy interruppe la sua conversazione, Ada che dà da mangiare ai gatti, che ci stava ascoltando ma noi non ce ne eravamo accorti esclamò..."Sì però se non se la pianta di disegnare i topi uno di questi giorni gli sguinsaglio tutti i miei gatti eh!"
Banksy rise come un matto, si infilò un mantello nero che non si sa da dove era uscito fuori e con un "Puff" entrò in una nuvoletta bianca che sembrava dipinta a mano sparendo così dalla nostra vista.
 
Vi abbiamo presentato l'artista di strada Banksy, l'artista che c'è ma non si vede, vi aspetto al prossimo appuntamento la prossima settimana amici di free-news.it e faremo sempre in modo che sarà un piacere avervi con noi, sto ascoltando per voi un pezzo di bossa nova e con ciò Walter Fest vi dice ciaooo