Ven01072022

Ultimo aggiornamento04:21:58 PM

News:

Back Sei qui: Home Cultura Napoli-Astractura alla Sala dell’Ostrichina

Cultura

Napoli-Astractura alla Sala dell’Ostrichina

Professor Rosario Pinto-

Dalla mattina (ore 10:00) di Sabato 10 giugno 2022 fino al 2 ottobre, alla Sala dell'Ostrichina, nel Parco Borbonico del Fusaro - BACOLI (NA), sarà visitabile la rassegna espositiva "Astractura", curata e presentata da Rosario Pinto, organizzazione di Antonio Ciraci, con un'opere di: Diego Alexandre Asi, Lorenzo Bocca, Maurizio Bonolis, Rosario Buccione, Bruno D'Angelo, Gabriel De Gaudi, Lucia Di Miceli, Francesco Gallo, Salvatore Giunta, Arturo Millan, Kleopatra Moursela, Carmen Novaco, Ulla Pedersen, Pietro Pezzella, Ellen Roß, Grazia Santarpia, Salvatore Starace, Yessika Zambrano.

La mostra è patrocinata dall'Assessorato alla Cultura del comune di Bacoli, nell'ambito degli eventi artistico-culturali al Parco Borbonico del Fusaro.

Astractura è un movimento artistico che è attivo dai primi anni 2000, promosso da Rosario Pinto, per poter agire come criterio critico e creativo nel mondo della Astrazione Geometrica e, quindi, della pratica aniconica.
Solidi i principi sui quali si base il movimento: Linearismo, Cronotopia e Cinetismo che ne definiscono l'identità propria. Così il tutto assume una sua configurazione di aperta manifestazione di riconoscibile e dichiarata visibilità nel mondo dell'Astrazione geometrica intorno al 2011. I suoi membri scelgono di definire la qualità dell'intervento creativo secondo una sensibilità ben avvertita delle condizioni di "preterintezionalità" che governano la vita e la storia.


"Oggi per quanti potessero ritenere che l'Astrattismo, nel corso del '900, avesse già detto tutto ciò che c'era da dire nel mondo della pratica astrattiva, si presenta all'orizzonte qualcosa di inedito. Agiamo con profonda coscienza della rilevanza ineludibile del privilegiamento contenutistico" ci ricorda il Professor Rosario Pinto. Autore del Manifesto del movimento Astractura, capace di restituire corpo e intensità ad un collettivo artistico che merita di esser visto.

Cristoforo Russo