Dom20102019

Ultimo aggiornamento03:29:17 PM

News:

Back Sei qui: Home Roma Greta, un'altra vittima di violenza gratuita

Roma e provincia

Greta, un'altra vittima di violenza gratuita

alfa

 La cagnolina è stata trovata agonizzante dall'Associazione Alfa.

"Stavamo portando al riparo dei cuccioli quando un flebile lamento, sempre più tenue, ci è arrivato da sotto un’auto, il tempo di chinarsi e ci appare una scena raccapricciante. Un povero ammasso di pelo e sofferenza, una cagnolina di appena tre chili e mezzo agonizzante. E’ bastato uno sguardo per capire l’estrema gravità della situazione e parlare con le persone intervenute per avere la conferma più terribile: l’animale era agonizzante da giorni sotto quella macchina, tutti avevano sentito e visto, nessuno aveva avuto il coraggio di intervenire". La denuncia arriva dall'associazione Alfa, love for animals.

"E questo non è accaduto in una strada di campagna isolata ma a Roma, sull’Ardeatina, in una zona frequentatissima. Abbiamo immediatamente preso la cagnolina - continua la nota - e l’abbiamo portata prima ad una clinica veterinaria nelle vicinanze e poi, vista l’estrema gravità delle sue condizioni, ricoverata presso lo Zoospedale Flaminio. Qui il quadro clinico è apparso desolante. L’animale è stato certamente vittima di maltrattamenti che si sono protratti per molto tempo. Quel povero essere indifeso ha le costole fratturate, il treno posteriore seriamente compromesso, tumori alle mammelle, una pancreatite e crisi epilettiche. Non sappiamo se ce la farà. Di certo ALFA non la lascerà sola, fosse soltanto per assicurarle una morte dignitosa.

"Greta, così l’abbiamo chiamata, è l’ennesima vittima di una violenza cieca e gratuita. Di persone pericolose, non solo per gli animali, ma per la società intera. Di mani vili che non meritano neanche il disprezzo. Non degne di trovare posto nel consesso umano. Ma anche di chi, con la stessa viltà, ha ignorato le sue richieste di aiuto, sempre più flebili, contribuendo all’aggravamento delle sue condizioni e che merita il nostro e il vostro biasimo".

"ALFA farà tutto il possibile per rintracciare i responsabili di questo vile atto presentando denuncia alle autorità competenti. Non possiamo permettere che continuino ad agire indisturbati, magari aggiungendo altre vittime al loro “curriculum”. 

  • "Stiamo cercando di salvarla - conclude la nota - dovremo certamente affrontare delle spese notevoli".
    Chiunque  volesse contribuire a salvare la cagnolina Greta può fare una donazione all'associazione Alfa, con causale “Per le cure di Greta” su IBAN: IT 68 A 03359 01600 100000064708.