Mar16082022

Ultimo aggiornamento12:45:40 PM

Back Sei qui: Home Fatti La sinistra socialista si rimette in cammmino

Fatti

La sinistra socialista si rimette in cammmino

europa
Arriva la nuova piattaforma politica per rimettere in cammino la sinistra socialista italiana ed europea. Nuovi valori per la sinistra, la ridefinizione radicale di nuove politiche per la crescita economica, riforme sociali ed anticrisi che hanno al centro gli interessi dei cittadini, per correggere le politiche di austerità dell’Unione europea, andando ben oltre la questione del deficit nominale previsto dai Trattati. 
 
Verrà presentata a Roma il prossimo 4 aprile 2014 presso la sede italiana del Parlamento Europeo, in via IV novembre, 149 nel corso del Convegno internazionale “L'’Europa della solidarietà contro la crisi”, promosso da Network per il Socialismo Europeo e dal Laboratorio politico per la Sinistra, in collaborazione con la Fondazione Ebert, un manifesto condiviso dalla sinistra socialista e progressista europea, dalle forze e dalle associazioni della sinistra italiana a sostegno di Martin Shulz candidato dei socialisti europei alla Presidenza della Commissione europea.

Nel corso dei lavori che saranno introdotti da Lanfranco Turci e conclusi da Pietro Folena, parteciperanno Michael Braun, segretario della Fondazione Ebert in Italia, il Vice Presidente del Senato Vannino Chiti (Pd), Franco Lotito, del Network sinistra riformista, l’economista Carlo d’Ippoliti, l’Onorevole Roberto Gualtieri (Gruppo dei Socialisti e Democratici) e lo storico Paolo Borioni. 

Si tratta del primo appuntamento che vede la sinistra italiana confrontarsi sulle sfide che l'’Italia e l'’Unione Europea si troveranno a dover affrontare, anche in vista del semestre di presidenza europeo e delle elezioni europee del prossimo 25 maggio. Nel corso del Convegno, si affronteranno in più sessioni come l'’Unione Europea può cambiare passo rispetto alle politiche di austerity, quali saranno gli scenari e le prospettive del Socialismo Europeo, e quali le politiche di democrazia e cittadinanza in un’Europa diversa, oltre ad affrontare le questioni aperte su sicurezza sociale, lavoro, educazione e lotta alla disoccupazione giovanile. 
 
Parteciperanno esponenti della Spd, della socialdemocrazia svedese e del Ps francese, esponenti del mondo economico e culturale italiano che dialogheranno con rappresentanti istituzionali e rappresentanti delle associazioni di categoria e delle parti sociali sul futuro dell’ Unione Europea. Tra gli interventi programmati: Stefano Fassina, Laura Pennacchi, Renzo Penna, Henning Meyer, Ernst Hillebrand, Massimo Luciani, Felice Besostri, Gennaro Migliore, Francesco Cerasani, Pia Locatelli, Aldo Tortorella, Emanuele Macaluso, Michele Prospero, Pier Virgilio Dastoli, Alberto Benzoni, Carlo Ghezzi, Emilio Gabaglio, Mimmo Lucà, Sandro Scocco, Danilo Barbi, Jean Marc Germain, Nicola Cacace. 

Hanno già aderito al Convegno: Iniziativa socialista, Rete Socialista-Socialismo Europeo, la Fondazione Bruno Buozzi, la Fondazione Di Vittorio, la Fondazione Bruno Trentin, la Fondazione Di Vagno, la Fondazione Nevol Querci, la Fondazione Giacomo Brodolini, Re-Vision, Network sinistra riformista, Left Wing, Democrazia Socialista, Lega Socialisti di Livorno, il Circolo “la prima Pietra”, Associazione Koiné, Associazione Labour.