Mar24052022

Ultimo aggiornamento02:36:47 PM

Back Sei qui: Home Roma Rinascenza. Dolor et Furor, la mostra a Roma

Roma e provincia

Rinascenza. Dolor et Furor, la mostra a Roma

ciro

Ciro Palumbo - dal 30 aprile al 7 maggio 2021 Palazzo Velli Expo di Roma ospita l'ultimo atto del ciclo pittorico Rinascenza. L'artista nasce a Zurigo, 1965; vive e lavora a Torino, all'attivo una Biennale di Venezia e svariate personali e collettive in gallerie e spazi istituzionali in Italia e all'estero).

Abbiamo il piacere di intervistare l'artista. Il suo viso un cosmo senza misteri apparenti: lo sguardo ironico, apre il suo sorriso ed i suoi pensieri ad i visitatori presenti. Disponibile al confronto su tutti i temi, il Maestro trasmette positività e speranza: "Ci tenevamo ad essere qui nella città eterna per dare dignità ad un evento frutto di circa un anno e mezzo di lavoro da parte di tutto lo Staff, che cura Rinascenza dal 2017. Con fiducia guardo avanti nella consapevolezza che non tutto è finito ed il divenire sta nel movimento. Per questo ci stiamo adoperando per un progetto sull'infinito in una vera e propria officina creativa". La qualità pittorica, la sensibilità cromatica e la ricerca compositiva fanno dell'artista in mostra un valido esponente della pittura figurativa di pensiero contemporanea: giochi di trasparenza, assenza e presenza, chiari e scuri, grande e piccolo, bianco e nero. Ciro Palumbo è tutto questo e non solo, con i suoi soggetti in continuo equilibrio precario che sembrano sfidare in ogni istante le leggi fisiche della gravità. Rinascenza, parola dal suono incoraggiante, che dona speranza dopo questi lunghi mesi di difficoltà ai collezionisti ed ai centinaia di spettatori accorsi presso Palazzo Velli, edificato nella prima metà del 1300 dalla omonima nobile famiglia.

Partendo da Dürer e Botticelli, passando per Leonardo, questa volta il pittore si lascia ispirare dalla grandezza artistica di Michelangelo. Con Roma pertanto, si chiude una serie di cerchi, di "Mondi", da cui hanno preso forma mostre importanti, dapprima nel 2018 a Firenze presso Palazzo Medici Riccardi e in seguito nel 2019 a Perugia presso il Museo Civico Palazzo della Penna. Un percorso ricco e interessante in collaborazione con 7ettanta6ei Art Gallery di Alessandro Erra e Debora Santagata che hanno realizzato questo progetto con grinta e coraggio, nonostante le restrizioni pandemiche.

"Ciro Palumbo si può considerare il più antico dei pittori moderni, ma anche il più moderno dei pittori antichi. Le sue opere sono avvolte da un enigma che le rendono eterne da un lato ed una dimensione giocosa ed ironica dall'altro: luoghi dell'anima, isole emotive e zampillanti che il maestro presiede e poi deflagra sulla tela come naturale ed inevitabile conseguenza del suo tormento", ci racconta il critico Luca Cantore d'Amore che ha curato il catalogo di Editoriale Giorgio Mondadori.

Fino al 7 maggio potrete guardare dal vivo le opere provando una piacevole sensazione di lievità, ben descritta dal celebre Italo Calvino: "Prendete la vita con leggerezza. Che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall'alto, non avere macigni sul cuore. [...] La leggerezza per me si associa con la precisione e la determinazione, non con la vaghezza e l'abbandono al caso" (da Lezioni americane, 1988).

Cristoforo Russo