• Home
  • Fatti
  • Ambiente
  • Diritti
  • Cibo & Benessere
  • Cultura
  • Roma
  • Spettacolo
  • Viaggi
  • Torte & Salati
  • Poesia 2.0

Dom21042024

Ultimo aggiornamento01:23:15 PM

News:

Back Sei qui: Home Ambiente Ambiente: il rapporto Sna promuove rinnovabili e raccolta differenziata

Ambiente

Ambiente: il rapporto Sna promuove rinnovabili e raccolta differenziata

Ancora da lavorare su consumo di suolo, gas serra e rifiuti speciali. Obiettivi ambientali europei e trend nazionali elaborati dal Sistema nazionale per la protezione ambientale

Un Paese in linea con gli obiettivi europei e di sviluppo sostenibile per la produzione di energia da fonti rinnovabili, che raggiunge buoni livelli di raccolta differenziata dei rifiuti e diminuisce lo smaltimento in discarica. Continua il lento miglioramento della qualità dell'aria, soprattutto del  particolato PM 2,5 , buoni risultati con l'agricoltura biologica, aumentano i controlli agli impianti
produttivi.
Meno bene la situazione delle emissioni di gas serra, l'incidenza del turismo sui rifiuti urbani, la produzione di rifiuti speciali e il consumo di suolo. Stabile la situazione dei piani di adattamento ai cambiamenti climatici, della gestione delle aree protette e del rumore.
È questo il quadro nazionale che emerge dal quarto "Rapporto Ambiente" di SNPA, presentato 21 febbraio 2024 a Roma alla presenza del Ministro dell'Ambiente e della sicurezza energetica Gilberto
Pichetto Fratin: un'analisi in 21 punti sullo stato dell'ambiente in Italia, per capire quali trend stanno andando nella direzione giusta e quali no, cosa risulta stabile, quali elementi andrebbero maggiormente indagati e migliorati. Un quadro complessivo buono, ma che richiede attenzione e impegno costanti. Una sezione del Rapporto è dedicata alle migliori azioni messe in campo dal Sistema nazionale SNPA (composto da Ispra e dalle Agenzie ambientali Arpa/Appa) sulle
principali tematiche ambientali.
Gli indicatori che popolano il Rapporto Ambiente sono utili a monitorare gli obiettivi fissati dal Green Deal europeo, dall'Agenda 2030, dalla Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile e
dall'Ottavo programma d'azione ambientale.