• Home
  • Fatti
  • Ambiente
  • Diritti
  • Cibo & Benessere
  • Cultura
  • Roma
  • Spettacolo
  • Viaggi
  • Torte & Salati
  • Poesia 2.0

Dom21042024

Ultimo aggiornamento01:23:15 PM

News:

Back Sei qui: Home Diritti Unesco: lotta all'antisemitismo attraverso l'istruzione

Diritti e Doveri

Unesco: lotta all'antisemitismo attraverso l'istruzione

Attraverso i suoi programmi, l'UNESCO lavora per un'educazione che coltivi il pensiero critico, promuova il rispetto per la dignità di ogni essere umano e impegni i giovani ad agire contro i pregiudizi

Il 16 novembre 2023, l'UNESCO e la Rappresentanza permanente dell'Unione europea presso l'UNESCO hanno convocato una discussione urgente sul ruolo dell'istruzione nel contrastare il recente aumento globale dell'antisemitismo.

La tavola rotonda di alto livello ha riunito esperti del mondo accademico, dell'istruzione, della società civile e delle organizzazioni internazionali per discutere dell'impatto dell'antisemitismo su educatori e studenti in diverse parti del mondo e del sostegno di cui hanno bisogno. I partecipanti hanno anche evidenziato quali azioni potrebbero essere intraprese a vari livelli – dalla politica alla regolamentazione delle piattaforme digitali – per contrastare la polarizzazione e l'odio.

Impennata dei discorsi di odio antisemita
Dal 7 ottobre 2023, gli organismi di monitoraggio in tutta Europa e in Nord America hanno registrato un'eccezionale impennata di discorsi di odio antisemita, online e offline, e di incidenti violenti. Solo in Francia, la polizia ha registrato più atti antisemiti in un mese che nell'intero anno precedente.

In apertura dell'evento, il Direttore generale dell'UNESCO Audrey Azoulay ha chiesto un'attenzione immediata a questa preoccupante tendenza, sottolineando il ruolo centrale dell'istruzione nel contrastare la normalizzazione dell'antisemitismo.

"Le scuole, nel senso più ampio del termine, sono in prima linea nei cambiamenti della società. Promuovere un'educazione fondata sui diritti umani è un imperativo di sicurezza immediato per studenti e insegnanti e un investimento a lungo termine. Attraverso i suoi programmi, l'UNESCO lavora per un'educazione che coltivi il pensiero critico, promuova il rispetto per la dignità di ogni essere umano e impegni i giovani ad agire contro i pregiudizi", ha dichiarato la signora Azoulay.

Katharina von Schnurbein, coordinatrice della Commissione europea per la lotta all'antisemitismo e la promozione della vita ebraica, ha sottolineato che "dobbiamo assicurarci che ciò che vogliamo come risultato dell'educazione sia definito fin dall'inizio". Ha sottolineato la cooperazione UNESCO-UE per formare e responsabilizzare gli educatori degli Stati membri dell'UE ad affrontare l'antisemitismo nelle scuole e attraverso i libri di testo e i curricula. Questo lavoro fa parte del progetto biennale finanziato dalla Commissione europea.

L'antisemitismo è sentito in tutte le sfere della società
Secondo Alina Bricman, direttore degli Affari europei del B'nai B'rith International, l'impatto dell'antisemitismo si fa sentire a tutti i livelli e in tutte le sfere della società. Le persone cambiano i nomi sui campanelli, gli studenti evitano di seguire le lezioni e coloro che dovrebbero proteggerli dagli attacchi – insegnanti, presidi, professori – a volte alimentano questo clima di odio.

A sua volta, Alex Maws, responsabile dell'educazione presso l'Associazione dei rifugiati ebrei nel Regno Unito, ha spiegato la particolare natura e le manifestazioni dell'antisemitismo e ha sottolineato l'urgenza di intensificare i programmi che preparano gli educatori a gestire gli incidenti e a proteggere gli studenti. Pascale Goutagny, ispettore pedagogico regionale presso il Ministero francese dell'Educazione nazionale e della Gioventù, ha fornito una panoramica dei processi messi in atto a livello nazionale in Francia per prevenire e rispondere all'antisemitismo nelle scuole.

All'inizio di questo mese, l'UNESCO e la Francia hanno annunciato un nuovo partenariato per formare educatori e decisori nella lotta all'antisemitismo attraverso l'educazione, in Francia e in Europa. Questo nuovo progetto rafforza la cooperazione in corso dell'UNESCO contro l'antisemitismo con la Commissione europea e i ministeri nazionali dell'Istruzione di 12 Stati membri dell'UE, tra cui la Francia.

Mancanza di trasparenza delle piattaforme digitali
Guilherme Canela, capo della Sezione per la libertà di espressione e la sicurezza dei giornalisti dell'UNESCO, ha affrontato la dimensione online della crisi in corso. La mancanza di trasparenza delle piattaforme digitali le trasforma in bozzoli di disinformazione, che possono anche favorire teorie cospirative. La diffusione esponenziale di contenuti violenti che le forze dell'ordine e i giudici devono esaminare sta rendendo quasi impossibile gestire i casi nel modo consueto, anche per quanto riguarda l'individuazione della fonte e l'individuazione delle responsabilità. È quindi necessaria una soluzione a livello di sistema che si concentri sui processi.

Come risposta, l'UNESCO ha recentemente pubblicato delle linee guida per la governance delle piattaforme digitali. L'obiettivo è quello di salvaguardare il diritto alla libertà di espressione, compreso l'accesso alle informazioni, e altri diritti umani nella governance delle piattaforme digitali, affrontando al contempo i contenuti che possono essere lecitamente limitati in base alle leggi e agli standard internazionali sui diritti umani.

Stefania Giannini, vicedirettore generale dell'UNESCO per l'Educazione, ha illustrato la risposta educativa globale all'antisemitismo che l'UNESCO sta sostenendo dal 2018.

Ciò include la mobilitazione contro la negazione e la distorsione dell'Olocausto attraverso la formazione e le campagne pubbliche, l'insegnamento dell'Olocausto e del genocidio, i discorsi d'odio, la disinformazione online, nonché lo sviluppo di programmi su misura per sostenere gli educatori a tutti i livelli a prevenire e mitigare l'impatto dell'antisemitismo.