• Home
  • Fatti
  • Ambiente
  • Diritti
  • Cibo & Benessere
  • Cultura
  • Roma
  • Spettacolo
  • Viaggi
  • Torte & Salati
  • Poesia 2.0

Gio13062024

Ultimo aggiornamento04:44:54 PM

News:

Back Sei qui: Home Roma Lazio: Michel Maritato nuovo coordinatore IV del tavolo Femminicidio e Codice Rosso

Roma e provincia

Lazio: Michel Maritato nuovo coordinatore IV del tavolo Femminicidio e Codice Rosso

Michel Emi Maritato è ufficialmente il nuovo coordinatore per Italia Viva del tavolo tecnico regionale del Lazio sul Codice Rosso, Femminicidio e Violenza di genere. Ad annunciarlo, in una nota stampa, è proprio lo stesso Maritato, che nelle scorse ore ha ottenuto l'incarico dal coordinatore regionale IV, Felice Casini. "Sono assolutamente onorato di ricoprire questo autorevole e delicato ruolo e ringrazio tutto il partito per la fiducia, riposta nei miei riguardi. Gia dai prossimi giorni inizieremo a lavorare subito col tavolo tecnico al fine di affrontare una tematica tra le più complesse e preoccupanti della nostra società. D'altronde, il fenomeno del femminicidio in Italia è una questione seria, assai diffusa nel paese. Le statistiche - continua Michel Maritato - mostrano che molte donne sono vittime di violenza domestica e omicidi perpetrati da partner o ex partner. Il governo italiano ha preso diverse misure per affrontare questa emergenza, tra cui l'introduzione del "codice rosso" per rispondere più rapidamente e efficacemente ai casi di violenza di genere. Tuttavia, molto lavoro resta da fare per proteggere le donne e prevenire futuri atti di violenza. Questo il nostro obiettivo, non molleremo un centimetro a tutela delle donne e a contrasto della violenza di genere. E in questo importante percorso ci accompagneranno, tra gli altri, Elio Addessi, membro IV della consulta regionale Lazio e Gabriella Sisti, vicepresidente di IV provincia di Roma". Fondatore e presidente - dal 2011 - di AssoTutela, associazione che si propone come punto di riferimento per l'assistenza ai cittadini, Michel Emi Maritato da quasi venti anni è attivamente impegnato per la tutela delle categorie più fragili e deboli della collettività.