• Home
  • Fatti
  • Ambiente
  • Diritti
  • Cibo & Benessere
  • Cultura
  • Roma
  • Spettacolo
  • Viaggi
  • Torte & Salati
  • Poesia 2.0

Mer21022024

Ultimo aggiornamento12:13:06 PM

News:

Back Sei qui: Home Ambiente Cop28: soluzioni di sistemi agroalimentari per definire l'agenda climatica

Ambiente

Cop28: soluzioni di sistemi agroalimentari per definire l'agenda climatica

Mentre il mondo è alle prese con l'urgenza dell'azione per il clima, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO) mette in evidenza alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP28 il potenziale unico dei sistemi agroalimentari come fulcro di soluzioni sostenibili

Il Direttore Generale QU Dongyu guida la delegazione della FAO all'evento globale, che quest'anno si svolge presso l'Expo City Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, dal 30 novembre al 12 dicembre, e si prevede la partecipazione di oltre 65.000 persone, tra cui il stati membri (delle parti) della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), circa 150 leader mondiali, settore privato, giovani, scienziati del clima, popolazioni indigene, giornalisti e vari sostenitori influenti dell'azione per il clima come Papa Francesco e Re Carlo.

"La crisi climatica e quella alimentare sono inseparabili. Investire nei sistemi agroalimentari e nelle aree rurali crea la soluzione concreta per affrontare gli impatti della crisi climatica. Alla COP28 la FAO metterà in luce sistematicamente come la trasformazione dei sistemi agroalimentari acceleri l'azione per il clima a beneficio delle persone, della prosperità e del pianeta", ha affermato QU.

Le discussioni e i negoziati quest'anno riguarderanno i flussi di lavoro critici, con l'obiettivo di compiere progressi sostanziali su questioni chiave. Il primo è finalizzare i dettagli dello strumento di finanziamento di perdite e danni concordato da istituire alla COP27 per aiutare le comunità vulnerabili in prima linea – compresi gli agricoltori – ad affrontare gli impatti climatici immediati. Un altro obiettivo imperativo è avanzare verso un obiettivo finanziario globale per sostenere i paesi in via di sviluppo nei loro sforzi di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico. Accelerare sia la transizione energetica sia una transizione giusta, così come affrontare il divario nelle emissioni, sono altre aree critiche che saranno prese in considerazione, tra le altre.

La COP28 vedrà anche la conclusione del primo bilancio globale in assoluto, un processo svolto dai paesi e dalle parti interessate per valutare dove i progressi sono stagnanti (o meno) verso il raggiungimento degli obiettivi dell'Accordo di Parigi. Il processo si concluderà con una decisione che dovrebbe essere sfruttata per accelerare l'ambizione nella prossima tornata di piani d'azione per il clima (contributi determinati a livello nazionale) prevista per il 2025, cosa con cui la FAO ha sostenuto i paesi.

La FAO supporterà i suoi membri durante questi processi, comprese le discussioni sul lavoro congiunto di Sharm el-Sheikh sull'attuazione dell'azione per il clima in agricoltura e sicurezza alimentare che porta la discussione sulle soluzioni dei sistemi agroalimentari al centro dei negoziati.

La FAO è inoltre impegnata ad assistere i paesi nell'implementazione di soluzioni per i sistemi agroalimentari pienamente in linea con la Dichiarazione degli Emirati sull'agricoltura sostenibile, i sistemi alimentari resilienti e l'azione per il clima. La Dichiarazione sarà presentata a Dubai come parte dell'ambiziosa agenda della Presidenza su cibo e agricoltura che costituirà un elemento centrale del Summit mondiale sull'azione per il clima del 1° dicembre e della Giornata sull'alimentazione, l'agricoltura e l'acqua del 10 dicembre.

La COP28 funge da piattaforma vitale per il dialogo collaborativo, lo scambio di conoscenze e il processo decisionale riguardo al ruolo distintivo dei sistemi agroalimentari nella battaglia contro il cambiamento climatico. Tenendo conto che il settore agroalimentare contribuisce a un terzo delle emissioni di gas serra, le soluzioni innovative nell'ambito dei sistemi agroalimentari contribuiscono direttamente all'azione per il clima, favorendo anche la resilienza e l'adattamento, salvaguardando la biodiversità e garantendo la sicurezza alimentare e la nutrizione globali, in un mondo in cui circa Attualmente 735 milioni di persone soffrono la fame.

Nell'ambito del Quadro strategico 2022-2031, della Strategia sui cambiamenti climatici e della Strategia per la scienza e l'innovazione, e i rispettivi piani d'azione, la FAO già supporta i paesi nel fornire soluzioni per una migliore produzione, una migliore alimentazione, un ambiente migliore e una vita migliore. Tuttavia, una trasformazione dei sistemi agroalimentari per affrontare la crisi climatica può essere realizzata solo aumentando gli investimenti in azioni a livello locale, nazionale e globale. L'appello a uno sforzo collettivo per aumentare gli investimenti, abbracciare finanziamenti innovativi e attuare strategie di trasformazione per un futuro resiliente ai cambiamenti climatici è al centro della partecipazione della FAO all'incontro internazionale.

La FAO ospiterà inoltre il Padiglione per l'alimentazione e l'agricoltura insieme al Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD), al CGIAR e alla Fondazione Rockefeller, conducendo eventi e fornendo consulenza tecnica ai paesi membri, sia all'interno che all'esterno del processo di negoziazione ufficiale.